Elisa Risigari

Amo il mio lavoro in tutte le sue sfumature… e di sfumature ne ha davvero tante! Dagli aspetti artistici, creativi, di continuo studio e ricerca, a quelli di strutturazione, organizzazione, collaborazione, scambio, crescita continua. Nel 2000 mi sono diplomata come attrice presso l’Accademia d’arte drammatica Nico Pepe di Udine. Successivamente sono stata assistente, a Bari, del Maestro russo Jurij Alschitz ed ho fondato La Compagnia delle Formiche. Nel 2002 la fondazione de La luna al guinzaglio - con la quale tutt’ora lavoro - compagnia di teatro per bambini, ragazzi, adulti. Per un teatro anche fuori dal teatro, nella letteratura e nella denuncia sociale. Un teatro non solo bello, non solo artistico, ma anche utile. Nel 2006 la laurea in Storie Scienze e Tecniche della Musica e dello Spettacolo a Tor Vergata (Roma). Tanti spettacoli dal 2000… per ogni fascia d’età, con molte compagnie, in tanti luoghi diversi. In qualità di attrice, regista, drammaturga… tante passioni… E tanti altri corsi di formazione. Tanti viaggi. Tante collaborazioni.

Nel 2019 il diploma come Tutor olistico ad indirizzo Animologico Immaginale (AISCON)

Fra le varie passioni non solo giocare il teatro, ma anche insegnarlo. In moltissime scuole sia pubbliche che private. In molte città diverse. Un teatro per il benessere, che possa aiutare a conoscersi meglio, ad accettarsi, a mettersi in gioco per superare i limiti e gli ostacoli che la mente continuamente ci crea, a volerci un po’ più bene.

Nel 2017 ho partecipato alla creazione di confrontArti (per la quale occupo il ruolo di direttore artistico): un luogo di incontro e scambio di diverse discipline artistiche e sportive create per ricercare il benessere.



Corsi a confrontArti:

  • Teatro per il benessere

  • Recitazione (6-10 anni)

  • Recitazione (11-17 anni)

  • Gioco di ruolo teatralizzato per adulti

  • Naso Rosso

  • Lettura espressiva

  • Dizione

  • Favole a merenda

  • EstAutismo

Corsi a confrontArti
“E… state a confrontArti 2020!”LABORATORI ESTIVI DI TEATRO, MUSICA E MOVIMENTO (7-11 anni)Dal 15/06 al 07/08. Con LEZIONE APERTA OGNI SETTIMANA!SONO APERTE LE PRENOTAZIONI!Orari: Part time 7,30 (accoglienza 7,30-9,00) – 13,30 (uscita 12,30-13,30)Full time 7,30 – 15,30 (uscita 15,00-15,30)PRANZO AL SACCOAttività del mattino: Teatro: espressività fisica e vocale, improvvisazione, il corpo nello spazio, l’emozione, il gioco scenico, la relazione, l’osservazione, la pausa, l’ascolto, lo sguardo. Musica: il ritmo, la voce, percussioni ed interplay.Movimento: espressività fisica, il corpo nello spazio, giochi creativi e di movimento con l’utilizzo della musica.Attività del pomeriggio:Creatività: giochi con colori e materiali per creare cenni di scenografie, oggettistica e costumi.Il team degli educatori, composto da professionisti di diversi campi artistici ed educativi, propone percorsi settimanali diversi fra loro (di modo che, chi ha piacere, può ripetere l’esperienza, trovandola però sempre nuova) di accostamento al teatro, alla musica ed al mondo dell’arte in genere, andando a creare, ogni settimana, una breve esibizione che sia il frutto di questo percorso. In un contesto di gioia, creatività, accoglienza e scambio, “E… state a confrontArti” vuole portare avanti i suoi principi base: la ricerca del Benessere e la sospensione del giudizio.I bambini verranno accolti, secondo le ultime linee guida, in modalità scaglionata e verranno seguiti tutti i comportamenti utili a salvaguardare la salute dei partecipanti.I gruppi sono a numero chiuso. I corsi partiranno raggiunto il numero minimo.Prezzi settimanali:Part time (6 ore): INTERO: 115,00 €; RIDOTTO*: 105,00 €Full time (8 ore):  INTERO: 140,00 €; RIDOTTO*: 125,00 €Alla quota settimanale si va ad aggiungere la quota associativa annuale (10,00 €). * Hanno diritto alla tariffa ridotta i fratelli (il primo paga intero, dal secondo in poi, quota ridotta), ed i bambini che si iscrivono a più settimane (la prima a quota intera, dalla seconda quota ridotta).Tutti i partecipanti verranno forniti di un regolamento specifico per il comportamento da assumere in questo periodo per ricevere il migliore servizio possibile e mantenere per tutti le condizioni di salute migliori possibile.
Leggere ad alta voce non è solo passare informazioni, è comunicare, coinvolgere, introdurre inun altro mondo, accompagnare in un viaggio unico.Molti sono i contesti nei quali si può gioire di questa forma di comunicazione:- per i propri alunni;- in una conferenza;- per i propri nipoti, figli, amici;- in ambiti professionali di vario genere...E molti sono gli aspetti coinvolti nella lettura ad alta voce: il controllo dell'emozione, larespirazione, l'emissione della voce, la capacità di trasmettere colori e sfumature, crearecomplicità con gli uditori/spettatori...Il corso è strutturato su 6 ore.
Leggere per altri non è solo passare concetti, trasmettere informazioni... è entrare in unmondo nuovo da condividere.Creare un immaginario.Una realtà speciale, parallela, sospesa...Leggere per i bambini, è magia.È presenza sincera. Creare un nuovo mondo.È empatia. Ascolto. Scambio reciproco.È esserci per creare.Ascoltare per trasformare.Il corso è strutturato in 4 ore.
Le “Favole a merenda” sono giunte alla loro seconda edizione. Cosa sono? Momenti di scambio, incontro, riflessione e divertimento con i bimbi (3-10 anni) e le loro famiglie. Il clima caloroso e famigliare è alla base di questa proposta strutturata su tre piani: La rappresentazione di testi classici o di buona letteratura per l’infanzia letta, illustrata, musicata, recitata, giocata o mimata di due o tre storie su un tema sempre diverso spesso proposto proprio dai bambini o dai genitori; Il gioco di gruppo per elaborare meglio, condividere ed approfondire la tematica trattata; La merenda in compagnia, perché mangiare assieme rende più amici, ed il nutrimento per il corpo e quello per l’anima, spesso, vanno a braccetto. CALENDARIO 2019-2020 Domenica 6 ottobre ore 10,30 Domenica 10 novembre ore 10,30 Domenica 1 dicembre ore 10,30 FESTA PER GLI AUGURI venerdì 13 dicembre ore 18,00-20,00 Domenica 12 gennaio ore 10,30FESTA DI CARNEVALE sabato 22 febbraio ore 16,00-18,00
PROGETTO estAutismo insieme in arte e gioco: percorso estivo di formazione, crescita e socializzazione per bambini autistici tenutosi nell’estate 2019. E’ in fase organizzativa la proposta per l’estate 2020. AREA DI INTERVENTO: educativo-riabilitativo LUOGO DI INTERVENTO: TRIESTE ASSOCIAZIONE ConfrontArti, via Canova 26 DESCRIZIONE DEL PROGETTO: Molti bambini con diagnosi di disturbo dello spettro autistico, durante l’anno scolastico, beneficiano di una serie di interventi educativo-riabilitativi al fine di implementare le loro abilità cognitive e sociali. L’intensità di tali interventi però viene ridotta nel periodo estivo a causa della pausa scolastica o delle ferie degli operatori a loro dedicati, ed in tal caso le famiglie necessitano di riorganizzare i loro impegni inserendo i bambini nei centri estivi comunali o privati dove non sempre gli operatori presenti possiedono una formazione specifica per il trattamento di tale condizione, né spesso viene garantito il rapporto 1:1. Dalla necessità di mantenere contigue nel tempo le attività sostenute durante i mesi invernali e sostenere le famiglie alleggerendole dalle forti responsabilità e dalla fatica fisica e psicologica che comporta l’aver cura di un bambino autistico, nasce il progetto “estAutismo”, percorso estivo di formazione, crescita e socializzazione per bambini autistici. Tale progetto pilota intende fornire un sostegno abilitativo educativo nel periodo estivo, con figure professionali formate nel settore per garantire un supporto specialistico che favorisca lo sviluppo delle autonomie ed il potenziamento delle competenze relazionali e sociali dei bambini, e fornire buone prassi per formare nuovo personale (educatori, genitori e figure volontarie) in grado di rapportarsi a questa tipologia di utenti. Le attività si svolgeranno durante l’orario mattutino, presso gli spazi dell’associazione ConfrontArti, intervallando momenti dedicati ad attività ludico-ricreative, assieme alle psicologhe specializzate in analisi comportamentale applicata ai disturbi dello spettro autistico, musicoterapia e attività teatrali. Ci si prospetta di fornire il medesimo servizio per le famiglie anche negli anni successivi. RISORSE UMANE DESTINATE AL PROGETTO: il progetto richiederà l’intervento di cinque-sei operatori specializzati e due volontari. NUMERO BENEFICIARI DELL’INIZIATIVA: verranno accolte massimo 12 iscrizioni di bambini dai 3 ai 10 anni con diagnosi di disturbo dello spettro autistico; 6 bambini dal 17 al 28 giugno, 6 bambini dall’1 al 26 luglio. DURATA DEL PROGETTO: tre giorni a settimana (lunedì, mercoledì e venerdì) per sei settimane dal 17 giugno al 26 luglio dalle 8.30 alle 12.30. OBIETTIVI GENERALI: favorire lo sviluppo di abilità relazionali e dell’iniziativa ludico-creativa, migliorare le funzioni comunicative, cognitive, sensoriali dei bambini coinvolti nel progetto. METODOLOGIA: ANALISI COMPORTAMENTALE APPLICATA (Applied Behavior Analysis) L’Analisi Comportamentale Applicata (ABA) è una scienza finalizzata alla modifica di comportamenti socialmente significativi (ovvero in quel contesto, per quella persona) e mira a comprendere il comportamento attuale di un individuo sulla base di fattori genetici, considerando l’ambiente circostante. Suo obiettivo è l’insegnamento di nuove sequenze comportamentali utilizzando tecniche basate sul principio del Rinforzo e sulla motivazione della persona (estabilishing operation). I compiti da apprendere vengono suddivisi in piccole tappe, ognuna delle quali viene insegnata in sessioni ripetute e ravvicinate inizialmente con un rapporto individualizzato uno ad uno. Le ricerche in merito, hanno evidenziato un aumento del quoziente intellettivo dei bambini autistici in tutte le aree evolutive utilizzando appunto l’Analisi Applicata del Comportamento. Il bambino viene sempre impegnato in attività costruttive lasciando poco spazio all’evoluzione di comportamenti problema, e ogni intervento è posto in relazione alle sue necessità ed alle sue preferenze. Le abilità semplici vengono insegnate con lo scopo di raggiungere abilità più complesse, tramite un sistema di comunicazione denominata “comunicazione alternativa aumentativa” partendo dall’assenza di linguaggio parlato con successivo insegnamento alla vocalizzazione. L’ enfasi è posta sull’insegnare al soggetto COME imparare, formare interazioni sociali positive e rendere l’apprendimento motivante. Il programma si applica a tutte le aree del funzionamento del soggetto autistico e persegue l’obiettivo di migliorare i comportamenti e le capacità scolastiche, intellettuali, sociali ed emozionali. In particolar modo questa tecnica comportamentale consente di stimolare l’imitazione verbale e non verbale, le competenze linguistiche, la comprensione di se stessi e dei propri bisogni, la capacità di effettuare scelte, l’identificazione degli stati emozionali e le abilità di interazione sociale. MUSICOTERAPIA La musicoterapia è una disciplina in un cui un professionista formato conduce il paziente / utente in un'esperienza sonoro-musicale a fini terapeutici e/o riabilitativi. L'utilizzo della musicoterapia in bambini con diagnosi di spettro autistico è evidence-based e ha dimostrato efficacia nel promuovere l'interazione sociale, la comunicazione verbale, l'iniziativa e la reciprocità socio-emotiva. La musicoterapia può inoltre aiutare a migliorare le capacità di comunicazione non verbale all'interno del contesto terapeutico. Nelle aree secondarie, un intervento musicoterapico può contribuire ad aumentare le capacità di adattamento sociale nei bambini con ASD e a promuovere la qualità delle relazioni genitore-figlio. Nell'ambito di questo progetto si abbinano due modalità di intervento in modo da garantire una presa in carico che possa armoniosamente integrarsi con le finalità generali di estAutismo: un percorso individuale e personalizzato con obiettivi specifici per ciascun bambino e un percorso in piccolo gruppo con finalità comuni. In entrambi i casi si utilizza un approccio attivo in contesto prevalentemente non verbale e non direttivo. Il modello teorico di riferimento sotteso agli incontri individuali è la MT relazionale intersoggettiva, mentre negli incontri di gruppo si introducono tecniche della Neurologic Music Therapy. TEATRO OLISTICO Il percorso teatrale di per sé lavora tanto sulle dinamiche di conoscenza di sé quanto su quelle di gruppo. Il percorso teatrale olistico prende in considerazione la creatura nel suo insieme, con tutte le sue caratteristiche (fisiche, caratteriali, sociali, comportamentali…), ed in base al proprio “bagaglio” il fruitore può partecipare e mettersi in gioco al di là del giudizio e del pregiudizio. Il lavoro su se stessi parte dal proprio corpo ed, in caso, dalla propria voce, ed attraverso giochi fisici e sonori di imitazione, creazione e scoperta, si può arrivare all’osservazione ed al contatto con l’altro. Fino al concetto di gruppo. L’attività, che viene svolta in gruppo, non ha pretesa di uniformità di realizzazione, né tantomeno performativa, ma vuole permettere ad ogni singola creatura di partecipare nella modalità che più gli appartiene ed aggrada. Attraverso la creazione di un clima rilassato e propositivo, i bambini vengono messi nelle condizioni di sentire il piacere dell’attività e di far quindi emergere e migliorare le proprie competenze comunicative, espressive e relazionali, partendo dal movimento e dalla comunicazione non verbale. OBIETTIVI SPECIFICI (ANALISI COMPORTAMENTALE APPLICATA): Incremento delle autonomie personali: utilizzo del bagno, preparazione della merenda, eventuale cambio di indumenti. Abilità relazionali: condivisione del materiale di gioco, rispetto delle regole del gruppo, rispetto della turnazione, espressione dei bisogni in modo appropriato. Possibilità di peer tutoring, in caso di presenza all’interno del gruppo, di bambini autistici ad alto funzionamento. Abilità comunicative: utilizzo di supporti di comunicazione aumentativa in bambini non vocali, incremento delle richieste spontanee, utilizzo di agenda visiva per favorire la comprensione della strutturazione della giornata. Favorire l’insegnamento di buone prassi fornendo agli educatori, agli operatori volontari ed alle famiglie, dei tool kit per l’incremento delle abilità comunicative sopra riportate. OBIETTIVI SPECIFICI (MUSICOTERAPIA): incontri individuali: riconoscimento ed espressione delle emozioni; miglioramento delle competenze comunicative inter e intrasoggettive. incontri di gruppo: sviluppo di relazione e interazione tra pari; rispetto delle regole del gruppo e della turnazione, sviluppo della comunicazione sociale. OBIETTIVI SPECIFICI (PERCORSO OLISTICO/TEATRALE): Per il singolo: contatto ed ascolto di sé, nel corpo e nella voce, nel movimento e nella quiete, nel suono e nel silenzio. Miglioramento dell’espressività tramite il gioco teatrale, stimoli ritmici e sonori, fisici ed emozionali, improvvisativi e strutturati. Aumento dell’autoconsapevolezza. Per il gruppo: possibile incremento della capacità espressiva e relazionale, dell’ascolto di se stessi e delle dinamiche di gruppo. Possibile miglioramento nell’ascolto dell’altro, nella comunicazione e nell’espressività personale tramite interrelazione, imitazione, improvvisazione, percorsi sensoriali ed emozionali VALUTAZIONE PER L’INSERIMENTO E PER IL GRADIMENTO: verranno effettuati colloqui individuali con le famiglie al fine di comprendere i bisogni di ciascun bambino per favorire l’inserimento all’interno del gruppo e poter svolgere le attività al meglio. Al termine del percorso estivo verrà fornito un questionario di gradimento.
Saper parlare “bene”, cioè senza far sentire la provenienza, i regionalismi, le cantate, può essere utile in molte occasioni, sia a livello professionale, sia per un piacere personale. Il nostro modo di parlare, di presentarci agli altri, può essere il nostro biglietto da visita. Una corretta dizione, impostazione della voce, ma anche la postura ed il controllo del nostro corpo possono essere ottimi strumenti per relazionarci con gli altri. Giorni ed orari del percorso sono in via di definizione.
Leggere favole o testi scientifici, storici o grandi classici, trattati filosofici o barzellette… la lettura in pubblico può essere una mera ripetizione di quanto letto, ma anche un modo avvincente e seduttivo per comunicare, per passare contenuti ed emozioni, per raggiungere l’ascoltatore. Modulando la voce, le intenzioni, studiando e definendo ritmi e toni, il lettore può affascinare e coinvolgere e fa capire molto meglio il contenuto. Giorni ed orari del percorso sono in via di definizione.
IO, NASO ROSSO. LABORATORIO INTENSIVO ALLA RICERCA DEL PROPRIO CLOWN INTERIORE guidato da Martina Boldarin ed Elisa Risigari “Il clown non esiste al di fuori dell’attore che lo recita: siamo tutti dei clown, crediamo di essere belli, intelligenti e forti, mentre ognuno di noi ha le sue debolezze, i lati ridicoli che, rivelandosi, provocano il riso” (Jacques Lecoq). Un gioco per liberarsi, maschera dopo maschera, dal quotidiano. Per trovare il proprio neutro. Per giungere a vivere ed indossare la maschera più piccola al mondo: il naso rosso. Mettersi in discussione ed in gioco, per liberarsi da sovrastrutture e ritrovare il candore genuino ed ingenuo di chi scopre il mondo con occhi nuovi, lo vive per la prima volta e lo accetta così come lo coglie. Un percorso per permettere a sé stessi di aprirsi, lasciar scorrere le proprie emozioni, vivere il presente, esprimersi. Giocare, innanzi tutto. Veramente. Totalmente. Sfruttare il gruppo per far sbocciare il proprio naso rosso. Per tutti coloro che hanno già avuto qualche esperienza teatrale e che desiderano mettersi completamente in discussione e giocare con le proprie emozioni. PROGRAMMA: Riscaldamento corporeo e vocale Giochi di conoscenza Giochi per la formazione del gruppo Lo spazio Il neutro Ricerca del proprio clown Vestizione Entrata in scena Il numero da soli La canzone Il numero a coppie Liberarsi dalle proprie maschere quotidiane è difficile, ma riconoscerle è già un grande passo. Attraverso il gioco ogni singolo partecipante verrà in contatto con la sua parte emotiva più intima. Il gruppo funge da specchio, da ponte fra noi e la nostra parte più personale, più nascosta. Il gioco diventa il percorso. La scoperta del proprio clown un pretesto per lavorare su se stessi. Un percorso emozionale ed emotivo. Un gioco di crescita e scoperta. La masterclass si terrà sabato 12 ottobre (10-19) e domenica 13 ottobre (10- 19 circa) presso l'Ass. confrontArti, di via Canova 26, Trieste. È obbligatoria la preiscrizione entro mercoledì 9 ottobre.
“Il bambino che non gioca non è un bambino, ma l’adulto che non gioca ha perso per sempre il bambino che ha dentro di sé.”(Pablo Neruda) Il corso mira a creare un ponte tra il gioco di ruolo e il mondo teatrale, coniugando questi due universi paralleli e amplificando le possibilità espressive insite in entrambi e in ogni partecipante. In ciascun incontro i giocatori - attori potranno diventare qualsiasi cosa. Qualsiasi persona. Qualsiasi personaggio. Qualsiasi creatura. Trasformarsi all’infinito. Giocare ad essere tutto ciò che desiderano essere, ed imparare a rappresentare questa nuova esistenza e questo nuovo essere in tutte le sue sfumature.  Solo la fantasia è il limite del gioco di ruolo teatralizzato. Il giocatore-attore può scegliere di interpretare, ad esempio, un coraggioso avventuriero in un mondo simile a quello creato da Tolkien ne “Il Signore degli Anelli”, diventare apprendista mago nel castello di Hogwarts, trasformarsi in un investigatore e cercare di risolvere sinistri misteri, oppure affrontare epiche avventure a colpi di spada laser in una galassia lontana lontana… A chi si rivolge: persone - anche neofite tanto della recitazione quanto dei giochi di ruolo – che vogliono mettersi in gioco staccando completamente dal quotidiano ma volendo approfondire la conoscenza di sé ed il superamento di alcuni limiti. LA PRENOTAZIONE E’ OBBLIGATORIA ENTRO IL MARTEDI’ PRECEDENTE ALL’EVENTO.
Corso di recitazione per bambini e ragazzi. Teatro per star bene. Corso di recitazione annuale per il benessere della persona. Perché provare un corso di recitazione di questo genere? Per conoscere le basi dell'espressività teatrale: il corpo, la voce, lo spazio l'improvvisazione, la pausa, il neutro, il testo... Per sfruttare le dinamiche teatrali per lavorare su se stessi, sul proprio benessere nel rapporto con se stessi e con gli altri. Per provare o riprovare la gioia e l'emozione del palcoscenico. Per superare timidezze e paure. Per imparare ad esprimersi in pubblico. Per sfidarsi. Per conoscere meglio il proprio corpo e ciò che esso esprime, imparando ad essere più connessi con esso. Perché non si è mai troppo vecchi per giocare. Per trovare un luogo di quiete e pace, in un contesto non giudicante, per sospendere i pensieri del quotidiano e dar libero sfogo all'espressività ed alla creatività. Per tutte queste e molte altre ragioni. GIORNI ED ORARI DELLE LEZIONI PROVA: Mercoledì 18 e 25 settembre: 15,30 -17,00 dai 13 ai 17 anni 17,15 - 18,15 dai 6 ai 12 anni Frequenza: 1 incontro settimanale
Corso di recitazione per adulti. Teatro per star bene. Corso di recitazione annuale per il benessere della persona. Perché provare un corso di recitazione di questo genere? Per conoscere le basi dell'espressività teatrale: il corpo, la voce, lo spazio l'improvvisazione, la pausa, il neutro, il testo... Per sfruttare le dinamiche teatrali per lavorare su se stessi, sul proprio benessere nel rapporto con se stessi e con gli altri. Per provare o riprovare la gioia e l'emozione del palcoscenico. Per superare timidezze e paure. Per imparare ad esprimersi in pubblico. Per sfidarsi. Per conoscere meglio il proprio corpo e ciò che esso esprime, imparando ad essere più connessi con esso. Perché non si è mai troppo vecchi per giocare. Per trovare un luogo di quiete e pace, in un contesto non giudicante, per sospendere i pensieri del quotidiano e dar libero sfogo all'espressività ed alla creatività. Per tutte queste e molte altre ragioni.